Attività in classe con Scratch: Pong

Un’attività molto interessante da proporre in classe con Scratch è Pong: si tratta di uno dei primi videogiochi commercializzati per Atari.

pong

Scratch

Scratch è un software didattico sviluppato dal celebre MIT di Boston. Giunto alla sua terza edizione, permette di iniziare gli studenti al coding già dalla scuola primaria.

Grazie a molteplici estensioni si può integrare anche con kit di robotica educativa (ad esempio il fresco di annuncio Lego Spike Prime), Arduino, Micro:bit e Makey Makey (solo per citarne alcuni).

La semplice (ma allo stesso tempo completa) interfaccia a blocchi rende questo strumento molto versatile: dal gaming allo storytelling, dalle app ai giochi a quiz, i possibili sbocchi applicativi non si relegano alle sole discipline STEM ma rendono invece possibile l’utilizzo anche in materie artistiche o letterarie.

Introduzione all’attività

Durante l’introduzione all’attività può essere utile tracciare un parallelo tra i primi videogiochi in 2D ed i moderni in 3D: questo per evidenziare l’enorme balzo in avanti che c’è stato sia a livello hardware che software in 30 anni.

Inoltre, se si intende svolgere questo laboratorio con alunni della scuola primaria, sarebbe utile parlare delle app e capire cosa sono: già in tenera età si iniziano ad usare delle app, siano queste YouTube o dei videogiochi. Non sempre però è chiaro cosa si stia facendo. I bambini parlano di Google, Wifi, Instagram e Internet con molta confusione: questa attività è un buon pretesto per cominciare a fare chiarezza, facendo esempi mirati su quelle che sono le abitudini del nostro uditorio (sì, sarebbe utile aggiornarsi su quelle che sono le ultime tendenze: chi scrive si è fatto una cultura di Fortnite parlando con i ragazzo di nabbi, pro gamer, camperoni e lama).

L’attività

Questa attività da proporre in classe con Scratch, ossia la realizzazione del gioco Pong, permette di allenare la logica dei ragazzi, andando a lavorare molto sulle skills matematiche: piano cartesiano, coordinate, costanti e variabili.

Tre Sprite:

  • La palla: si muove puntando una direzione a caso tra 1 e 360 (angolo giro), può muoversi a velocità variabile o costante e interagisce con i paddle e con gli spazi per segnare i punti.
  • Paddle: controllati dai due giocatori, sono programmati per scorrere lungo l’asse Y.

Tra le funzioni che si possono aggiungere per aumentare la difficoltà del videogioco segnalo:

  • Il cronometro: utile a livello di logica la sua programmazione.
  • Il game over dopo X tempo trascorso.
  • Velocità della palla variabile: ad esempio può aumentare ogni 10 secondi di gioco.
  • L’apparizione di un personaggio random ad annunciare la vittoria di uno dei due giocatori.

Il gioco

Ecco qui il videogioco finito: si può giocare contro il computer controllando il paddle di sinistra con i tasti Freccia Su e Freccia Giù.

Buon divertimento.

P.S. qui il nostro profilo sul sito di Scratch.

P.P.S. qui le nostre attività STEM per ragazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Mathematica  –  Do the Math